La Storia di Livorno

La Storia d’Italia

Livorno è la terza città più popolosa della Toscana e il suo porto è uno dei più importanti del Mar Mediterraneo, sia per il traffico di passeggeri che, soprattutto, per quello delle merci.
“La Storia di Livorno” racconta questi luoghi fin dalla preistoria, quando nel mare primordiale sono ancora poche le terre emerse e Montenero non è che un’isola, parte di un arcipelago poco distante dai Monti Pisani.
In queste acque dominano grandi predatori come il megalodonte, un gigantesco squalo preistorico che nuota e caccia al confine con Collesalvetti.

La fondazione della città è legata al mito di Ercole Labrone e il suo nucleo originario è un villaggio ben fortificato, anche se contadinie pescatori vivono al di fuori dalle mura. L’antico Porto Pisano si trova nella zona nord, dove oggi sorge il Cimitero dei Lupi.

Livorno subisce, nel tempo, vari domini: prima quello di Pisa, eterna e proverbiale rivale, poi quello dei genovesi e, infine, quello di Firenze.

Sotto i Medici e i Lorena, la città si trasforma fino a diventare la più multilingue e multietnica d’Europa. Per effetto delle Leggi livornine, il porto franco e il perimetro pentagonale disegnato dal Buontalenti accolgono ebrei, inglesi, olandesi, spagnoli, armeni, portoghesi, rendendo la città un esempio di tolleranza e civile convivenza.
Livorno è la città senza ghetti. Il fascismo prova a domare lo spirito ribelle dei suoi abitanti ma vede nascere, nel 1921, nel cuore del quartiere Venezia, il Partito Comunista. Qui nascono patrioti come Francesco Domenico Guerrazzi e artisti come Pietro Mascagni e Amedeo Modigliani, di cui è celebre la beffa delle false teste ritrovate nel 1984.

Livorno è anche la città dal cuore amaranto, i colori della sua squadra di calcio. Ancora vivo il ricordo della gloriosa stagione del 1943, quando contese lo scudetto al Grande Torino di Mazzola.

Prezzo: € 14,90

Collana: La Storia d’Italia

In libreria: 2019

ISBN:978-88-85488-83-0

Pagine:208

Formato: 16,5x24 cm - brossura

Alessandro Bientinesi

Giornalista ed esperto di comunicazione, Alessandro Bientinesi si è laureato nel 2008 all’Università degli Studi di Firenze in Media e Giornalismo. Collabora fin dal 2003 con il quotidiano Il Tirreno, per il quale ha curato un’inchiesta sul mondo del lavoro con cui ha vinto il premio di Cronista Toscano 2018, riconoscimento curato dall’associazione “Li omini boni” di Vinci. Per Il Tirreno scrive anche di sport e nel 2017 ha ottenuto una Menzione d’Onore al premio giornalistico nazionale “Estra per lo sport”. Nel 2013 ha fondato l’agenzia Capo Verso, con sede a Livorno, che si occupa di comunicazione e marketing. Per Typimedia ha curato il volume Storia di Livorno dalla preistoria ai giorni nostri, pubblicato nel 2019.

Iscriviti alla Newsletter per rimanere sempre
aggiornato sul mondo Typimedia