La Storia di Prato

La Storia d’Italia

La Storia di Prato, dalla preistoria ai giorni nostri fa parte della collana editoriale Community Book di Typimedia dedicata alle città italiane.

Prato è la seconda città della Toscana, la terza dell’Italia centrale per numero di abitanti. La narrazione parte dalla preistoria per poi passare all’epoca etrusca, che vede i primi insediamenti nella piana pratese. La nascita vera e propria di Prato si fa risalire al X secolo, quando si hanno notizie di due centri abitati contigui ma distinti, Borgo al Cornio e Castrum Prati, che si fondono durante il secolo successivo.
La Storia di Prato racconta delle origini della produzione tessile, che ha sempre svolto un ruolo di primissimo piano fin dall’epoca medioevale come testimoniano i documenti del mercante Francesco Datini, conosciuto anche come il mercante di Prato, simbolo dell’intraprendenza pratese: ha inventato l’assegno e dal nulla ha costruito un impero commerciale internazionale.

Nel 1512 la città ha vissuto i suoi 22 giorni più tragici: il Sacco di Prato, ovvero l’assalto da parte delle truppe spagnole che devastarono la città e uccisero 6mila persone per porre fine alla Repubblica Fiorentina.

Nell’Ottocento Prato diventa la Manchester della Toscana: l’industria tessile esplode e porta al boom demografico, grazie anche al contributo di visionari come Giovan Battista Mazzoni, che costruisce macchinari rivoluzionari per l’industria tessile, tra cui la prima garzatrice, e introduce l’energia idraulica al posto dei buoi e dei muli usati fino a quel momento.

Nel 1988 viene inaugurato il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci, il primo centro dedicato a tutte le arti contemporanee realizzato in Italia. È opera di uno dei più grandi imprenditori del tessile pratese, Enrico Pecci, che lo vuole intitolare alla memoria del figlio scomparso prematuramente.

Prezzo: € 14,90

Collana: La Storia d’Italia

In libreria: 2019

ISBN:978-88-85488-53-3

Pagine:208

Formato: 16,5x24 cm - brossura

Ilaria Giannini

Ilaria Giannini, classe 1982, versiliese di nascita e fiorentina d’adozione, racconta la Toscana per professione da oltre dodici anni. Nata a Pietrasanta, laureata in Scienze Politiche e Internazionali presso l’Università di Pisa, vive a Firenze dove lavora come giornalista professionista per Fondazione Sistema Toscana, scrivendo per il sito ufficiale del turismo della Regione e per il portale Intoscana.it.
Ha pubblicato due romanzi: I provinciali (Gaffi) e Facciamo finta che sia per sempre (Intermezzi). Insieme a Federico di Vita ha firmato I treni non esplodono (Piano B), il primo libro sulla strage ferroviaria di Viareggio. Ha collaborato con articoli e racconti con diverse riviste ed editori, tra cui Internazionale, Corriere Fiorentino, Ansa Firenze, Novaradio, Toscana Tv, Mangialibri, L’Indiscreto.

Iscriviti alla Newsletter per rimanere sempre
aggiornato sul mondo Typimedia