La Storia della Magliana

La Storia di Roma

“La Storia della Magliana” comincia in una palude preistorica, percorsa da cervi giganti e ippopotami. In quelle acque si sospingono i primi Homo Sapiens come il celebre “cacciatore della Muratella” e poi gli Etruschi, infaticabili raccoglitori e mercanti di sale.
In 10 capitoli il volume racconta le evoluzioni successive del territorio, attraverso protagonisti, curiosità e aneddoti. Incontriamo i figli di Acca Larentia al fianco di Romolo nell’impresa di fondare Roma, la coraggiosa Turia femminista ante litteram, il giovane Ottaviano-Augusto, i martiri cristiani delle catacombe di Generosa e persino un medico esorcista e un papa in odor di eresia. Il viaggio nel tempo ci porta fi n dentro l’accampamento gotico del re Totila o nel bel mezzo di convegni di streghe; ci mette in cammino con i pellegrini lungo via della Magliana. Con due tappe signifi cative: la chiesina di Santa Passera, dove si celebra una santa che non esiste, e il castello della Magliana, seduti a tavola con Papa Leone, tra banchetti da 65 portate con raffi nati umanisti come commensali.
La peste e i morsi della zanzara anopheles segnano momenti bui, ma anche la ripartenza verso la modernità, scandita dalle azioni ardimentose dei garibaldini, lo sbuffo del primo treno e l’epopea contadina della bonifi ca fondiaria. Mussolini in persona visita due volte la Magliana: per inaugurare le case popolari del Trullo e per deviare il Tevere a colpi di dinamite.
Proprio il fiume fa da scenario, nel 1943, alla sanguinosa battaglia di Ponte della Magliana. E tante donne e uomini animano la Resistenza: i coniugi Monaco, il vicebrigadiere Pozzi, il ragioniere Testa.
Per cominciare a intravedere la Magliana di oggi bisogna arrivare all’edificazione speculativa del 1968 e all’autunno caldo del ‘71, con le lotte proletarie per la casa. La vita quotidiana si snoda tra picchetti anti-sfratto, occupazioni e scontri con la Celere, e si intreccia con le cronache più nere:dal rapimento Moro alla sparizione Orlandi, fi no al fattaccio del Canaro, che valgono alla Magliana la sinistra nomea di “Bronx di Roma”.
Nel quartiere dove la polizia entra a fatica si costituisce la famigerata “banda”. Tre giovanissimi con la pistola in pugno eliminano senza pietà gli avversari, fi no a diventare professionisti del crimine, capaci di muoversi con disinvoltura tra i grandi misteri d’Italia.
La banda sopravvive a faide intestine e ai blitz delle forze dell’ordine, dall’Operazione Colosseo a Mafi a Capitale, e ogni volta cambia pelle e si rigenera arruolando nuovi sodali. Ancora oggi, forse.

Prezzo: € 14,90

Collana: La Storia di Roma

In libreria: 2020

ISBN:978-88-36260-28-7

Pagine:208

Formato: 16,5x24 cm - brossura

Edizione Cartacea

Acquista su Ibs

Nelle News

Antonello Anappo

Antonello Anappo (1975) è un giornalista pubblicista. Ha iniziato a 19 anni in cronaca al Messaggero, per poi passare all’Unità (suo il blog Radio Magliana) e dal 2013 è direttore responsabile di Arvalia News, il mensile di informazione locale edito dal Municipio Roma XI.
Nel Municipio XI ha ricoperto l’incarico alla “Storia e memoria”, occupandosi dei beni culturali della Magliana e dell’Archivio Storico Portuense, il cui portale Arvaliastoria.it è stato insignito nel 2009 dall’UNESCO del riconoscimento di Web World Portal, archivio digitale dell’Umanità. Dal 2011, nel municipio, ha fatto da tutor ai ragazzi under 30 in Servizio civile nazionale.
Dal 2016 insegna Storia locale presso UNITRE e fa lezione il mercoledì, nel liceo di zona.

Iscriviti alla Newsletter per rimanere sempre
aggiornato sul mondo Typimedia